Il progetto famiglia


Gesù nacque in una capanna, la singolarità del suo Natale mi ha condotta ad una riflessione sulla famiglia. Durante il 2016 ho girato la penisola per parlare del contrasto alla violenza sulla donna e le tante persone, soprattutto di sesso femminile, che ho incontrato, mi hanno stimolato pensieri sulla condizione della famiglia e sulle sue difficoltà quotidiane. Si dice da più parti che la famiglia sia un'agenzia educativa in crisi, che i genitori non riescano, anche per mancanza di tempo, a crescere nel modo migliore i propri figli, che sia in atto una vera e propria disgregazione sociale. Non si può negare l'esistenza di situazioni difficili e spiacevoli fino al manifestarsi di atti di violenza inaudita sulle donne e non solo; a questo proposito sottolineo che la donna è potenzialmente madre, il suo ventre è sacro nel significato letterale: è degno di rispetto e va difeso da ogni tentativo di abuso. Se da un lato quindi il nucleo famigliare sembra avanzare verso la peggiore delle previsioni, dall'altro credo esista una speranza di rinnovamento, ma dobbiamo ricercarla. 

Commenti

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. La sacra famiglia è rappresentata come una famiglia perfetta in un'epoca dove le donne potevano essere ripudiate pubblicamente, ma forse solo perchè a Giuseppe era apparso l'angelo che gli aveva spiegato che Gesù era figlio di Dio e che Maria era stata prescelta .....
    La necessità di rendere sacra la nostra famiglia deve nascere dall'uomo come individuo e deve essere favorita dal tessuto sociale e culturale.
    Non so se ho capito bene il senso però..
    Credo comunque che le famiglie di oggi non siano peggiori di quelle di ieri, sono solo più visibili. Ricordiamoci che una volta c'era il delitto d'onore! Paola C.

    RispondiElimina

Posta un commento