Che il gioco non ci abbandoni! di Eleonora Castellano

Quando pensiamo al gioco, ci viene subito in mente l'infanzia e quel periodo incantato, per i più, in cui tutto – o quasi – era permesso. A tratti ci assale una punta di malinconia nel rievocare un periodo spensierato che mai più tornerà. Ora, a parte il fatto che spesso la memoria reinventa e reimpasta i suoi fotogrammi, colorando di magia anche i ricordi meno felici, come se fosse un risarcimento che la mente si diverte a concederci per darci l'illusione che almeno all'epoca fummo felici, ora a parte questo, bisognerebbe soffermarsi un attimo su quanto sia in effetti importante recuperare la nostra parte giocosa, utile per la stessa sopravvivenza psichica.
Quante volte ci diciamo che dobbiamo imparare ad alleggerirci e a canalizzare le tensioni che inevitabilmente la vita ci crea? Tante, tantissime volte. E allora che ben venga, anche nell'età adulta, il gioco e tutto quello che esso comporta.

Commenti